Concorso MTB x Scuole... I VINCITORI

**HOME **TUTTI i LAVORI delle SCUOLE**

Giovedi 27 marzo Villa Paolotti Gattinara ore 21.00

Si è riunita la giuria per giudicare i lavori pervenuti dalle scuole che hanno partecipato al concorso indetto in occasione del Campionato Italiano di MTB. Hanno partecipato le scuole di Gattinara (classi IV A e IV B coordinate da Zanazzo Luana), Lozzolo (coordinati da Ugo Vincenzina per la classe III A, Alessandra Petterino per la IV A e Antonella Noca per la V A), Roasio (III A coordinati da Paola Iorio) e di Serravalle Sesia (coordinati da Balzi Biancarosa per la classe I A, e per le classi II A, III A, I B, II B e III B coordinate da Viazzo Samanta).

La giuria, composta da rappresentati di docenti, genitori, amministrazione dei 4 comuni della Collinare e dalla Polisportiva Roasio, era cosi formata: Daniela Frignani, Franco Miglio, Lara Sauer, Lorella Morino, Luca Micheletti, Maurizio Boca, Mauro Isgrò, Samanta Viazzo, Silvana Mazzone, Sonia Motto, Ubaldo Gianotti.

Innutile dire che il compito è stato molto arduo tanto che la discussione si è protratta fino a notte inoltrata. I ragazzi sono stai molto bravi ed i lavori presentati erano tutti fonte di approfondite opinioni e valutazioni. In ogniuno scaturiva l'impegno profuso in esso e piu li si guardavano piu venivano alla luce i particolari, le idee, la passione dedicata. Unanime è stato dunque l'apprezzamento per questi ragazzi ed il corpo docenti che sapientemente li hanno guidati , lasciando loro libera iniziativa nello sfogo della loro immaginazione. Possiamo quindi esprimere la soddisfazione nel confermare che questi ragazzi fanno parte dei tesori che il nostro amato territorio offre. Sono le reali speranze per un futuro ecosostenibile di rispetto ed amore per quello che abbiamo la fortuna di possedere intorno a noi.

Sono stai presentati ben 110 lavori fra: loghi, storie, poesie e disegni. Fra tutti questi ne sono stati scelti tre per ogni tipologia (Loghi, Poesie, Storie,Lavori/disegni), assegnado un punteggio la cui somma ha formato la classifica finale degli Istituti che riceveranno il premio, offerto dai comuni della collinare. I ragazzi verranno premiati in occasione del Palio dei Rioni a Serravalle Sesia il 21 giugno.

Ecco i vincitori

1° CLASSIFICATO Istituto di SERRAVALLE SESIA (premio 500 € )

2° CLASSIFICATO Istituto di LOZZOLO ( 300 € )

3° CLASSIFICATO Istituto di GATTINARA (200 €)

4° CLASSIFICATO Istituto di ROASIO

CLASSIFICA LOGHI

 

1° LOGO CLASSIFICATO (Desirè della 2°A Serravalle Sesia)

2° LOGO CLASSIFICATO (classe 4°A Lozzolo)

3° LOGO CLASSIFICATO (Melissa della 2°A Serravalle Sesia)

CLASSIFICA DISEGNI / LAVORO

1° CLASSIFICATO DISEGNI/LAVORI Classi 4° A/B GATTINARA

2° CLASSIFICATO DISEGNI/LAVORI Classe 3°A LOZZOLO

3° CLASSIFICATO DISEGNI/LAVORI Classe 3°A LOZZOLO

CLASSIFICA POESIE

1° CLASSIFICATO POESIE Classe 4 °A LOZZOLO

2° CLASSIFICATO POESIE Classe 3 °A ROASIO

3° CLASSIFICATO POESIE Classe 1°B SERRAVALLE

La “MTB”

E' una bicicletta molto speciale

che si può usare su una strada particolare

la posso usare per andare in campagna

oppure per scalare una montagna.

E' robusta e resistente

e ha una ruota possente

posso pedalare velocemente

ma anche frenare tempestivamente.

I sentieri del SenColl posso espugnare:

Gattinara, Lozzolo, Rosaio, Serravalle e tutta la Comunità Collinare

osservando gli ambienti naturali

e gustando i prodotti collinari.

 

STORIE

1° CLASSIFICATO STORIE Classe 4 °B GATTINARA

UN'AVVENTURA IN COLLINA  
Marco entra in casa con le ginocchia e i gomiti sbucciati; toglie il casco che indossa sempre quando va con la sua mountain bike e va a cercare la mamma. Lei, mentre lo disinfetta, gli chiede cos'è successo e Marco inizia a raccontare … Quella mattina a scuola si era messo d'accordo con altri compagni di fare una gara di velocità con le biciclette . Avevano stabilito che la partenza era alla Torre delle Castelle: il primo di loro che fosse arrivato nella piazzetta vicino alla scuola e alla palestra, avrebbe vinto e mangiato gratis il gelato che gli altri amici gli dovevano offrire. Subito dopo pranzo i quattro amici sono partiti: la salita della Torre era molto dura, soprattutto la parte che fiancheggia i vigneti prima dell'arrivo all'acquedotto e al Belvedere, ma loro non si sono scoraggiati e un po' ridendo, un po'ansimando sono arrivati al punto di partenza, la Torre. Caschetti allacciati, mani strette sul manubrio….via! Marco e gli altri partono a tutta velocità. Pochi metri dopo, però, Marco sente uno strano rumore nella sua bici, rallenta e subito si accorge che è caduta la catena: prova a chiamare gli altri che non lo sentono e pedalano velocemente per la strada in discesa. Marco si ferma, sistema la catena della sua mountain-bike ed è pronto per ripartire e raggiungere gli amici, quando vede sbucare, in mezzo alla vigna lì vicino, un cucciolo di cane, spaurito e tremante. Ora non pensa più alla gara: lascia la sua bici e piano piano si avvicina al cagnolino, lo accarezza e il cucciolo gli dimostra di essere molto contento. Il problema adesso è portarlo in paese insieme alla bici, che non può certo lasciare lì in collina. Lo prende in braccio ma fa pochi passi che la bici si blocca di colpo: Marco cade e il cucciolo, spaventato, scappa via . Il bambino lo insegue fra le vigne e riesce a riprenderlo. Ora, lentamente e con la bici per mano, scende dalla collina e arriva nel piazzale vicino alla scuola, dove i suoi amici preoccupati lo stanno aspettando . Gli vanno tutti incontro e lui racconta cosa è successo. I compagni coccolano il cucciolo che fa molte feste a tutti. A casa, mentre la mamma lo sta medicando, Marco chiama il cagnolino che arriva scodinzolando e va a leccare la mamma. Lei si intenerisce e promette a suo figlio che potrà tenere il cucciolo: Marco è felice e decide di chiamarlo…Bicino, in onore della sua bici e alla gara mai fatta, ma al nuovo amico che ha incontrato. Il giorno dopo, a scuola, i quattro amici raccontano la loro avventura in collina e Marco promette che porterà Bicino all'uscita della scuola per farlo conoscere a tutti.

2° CLASSIFICATO STORIE Classe 3°B SERRAVALLE

Charlie e la sua super Mountain bike

C'era una volta un bambino di nome Charlie, che viveva con suo padre, un semplice contadino, e con il suo cane Shonny. Il suo migliore amico Ben, era un ragazzino nato in una famiglia ricca. Ben aveva una bellissima mountain bike e Charlie desiderava averne una come la sua, per giocarci insieme, ma non poteva permettersela a causa del basso salario del padre. Un giorno, mentre torna a casa dopo la scuola, decise di prendere una scorciatoia che passava per un campo di girasoli: tutto ad un tratto, Charlie inciampò tra i pedali di una vecchia mountain bike. Charlie fu contentissimo di trovare quella bicicletta e, anche se era molto vecchia e rovinata, decise di portarla a casa. Era molto determinato nell'aggiustarla, così chiese a suo padre il permesso per svolgere qualche lavoretto pomeridiano, per ricavare la somma necessaria per poter riparare la mountain bike. Charlie ottenne il permesso da suo padre e così iniziò a lavorare in un rottamaio. Con il poco che ricavava non riusciva ad aggiustare la bicicletta, così chiese al suo capo se avrebbe potuto prendere qualche pezzo di ricambio per aggiustarla il più presto possibile. Dopo qualche mese riuscì nel suo intento. Iniziò ad imparare lo sport della mountain bike e si iscrisse ad un concorso del suo paese, per ciclisti dilettanti che riuscì a vincere grazie all'appoggio del padre e del suo amico Ben. Così continuò la sua carriera da ciclista, diventò campione del mondo con la sua super mountain bike e visse per sempre felice e contento.

 

3° CLASSIFICATO STORIE Classe 3°B SERRAVALLE

LE MILLE E UNA BICI

Nel deserto del Pelucchia c'erano una bici e un bambino, che uniti dalla catena di una Ducati 998, andavavno in giro per il mondo, cercando un meccanico che potesse liberarli. Un giorno una tribù di galline fantasma con l'inganno li portarono in una torneria ma, invece di liberarli, li unirono definitivamente. Ad un tratto dal nulla comparve un cacciatore che fischiando stordì le galline, salvò il bambino e tagliò la catena alla bici. Insieme andarono in montagna dove vissero felici e contenti

 

Per INFO contattare

info@polisportivaroasio.it

 

2965